martedì 30 ottobre 2012

Limmagine di un America in ginocchio,l'uragano Sandy con tutta la sua forza è riuscito a decapitare La Statua della Libertà, simbolo di New York e dell'America. Che sia l'inizio ..........

domenica 21 ottobre 2012

Le foto della gente in Sicilia al comizio di Beppe Grillo.....Il TG non mi pare che le abbia trasmesse.

venerdì 19 ottobre 2012

lunedì 15 ottobre 2012

Un Video da non Perdere

Questo è il Link per poter guardare un Video molto interessante http://youtu.be/8eWpp0rSjW8

Lo consiglio è molto Istruttivo

lunedì 8 ottobre 2012

http://www.beppegrillo.it/2012/10/appalti_agli_am/index.html


Appalti agli amici degli amici. Trema il Comune di Torino

 |  | 
fassino_martina.jpg
"Finalmente siamo riusciti a pubblicare questi dati. Sono gli affidamenti del comune di Torino dal 2006 al 2011. Manca il 2012, la parte di Fassino. Affidamenti fatti direttamente, sotto i 20.000 euro e senza nessun genere di gara o tramite gara ufficiosa, sentendo 5 fornitori però di fatto non facendo una gara ufficiale, oppure affidamenti diretti perché quel fornitore ha un know how specifico. Un anno fa, stupiti, guardando le determine (gli atti che fanno i dirigenti) vediamo due affidamenti molto vicini fatti alla stessa società sotto i 20.000 euro. Con un unico affidamento avrebbero dovuto fare una gara, invece con entrambi sotto i 20.000 la gara non è stata fatta. Affidamento vuol dire che un dirigente, sotto i 20.000 euro, può decidere in autonomia, di dare un servizio a un fornitore. Anna Martina è una dirigente storica del comune, nota anche nelle vicende Chiamparino, che seguiva la cultura e ora si occupa soprattutto della comunicazione internazionale. Il caso emerso è di determine, una firmata da lei stessa, che hanno affidato servizi a una società in cui il figlio, se non ricordo male, ha una soglia del 44% in partecipazione. Decisamente inopportuno. Il "sistema Torino" è un punto interrogativo. Questo è un punto di partenza per scoprire se effettivamente esiste o non esiste. Tre casi ci sono. Bisogna capire quanti sono in tutto. Fassino c'è da un anno e mezzo. La responsabilità di quel che è successo in un anno e mezzo ce l'ha. Il 2012 non l'abbiamo ancora analizzato, però la Martina c'era e continua ad esserci. Distaccarsi totalmente mi sembra un modo per scaricare la patata bollente e non assumersi la responsabilità politica, che Fassino ha in quanto sindaco e a capo di questa macchina." Chiara Appendino, M5S Torino

domenica 7 ottobre 2012






Se qualcuno è interessato a questi vecchi Fumetti può contattarmi sul sito oppure con un Email.Ho anche moti della Marvel , di Dago, Eternauta e se interessa collana di lancio Story e Skorpio  anni 90 fino al 2003.
Ho molti anche Comic Art.

venerdì 5 ottobre 2012

Stà iniziando


Gli studenti in piazza. 'Trascinati e picchiati'

Scontri a Roma, quattro gli agenti contusi. Cariche e tafferugli anche in altre citta'

05 ottobre, 16:18
Tensione a Torino al corteo studentesco Tensione a Torino al corteo studentesco
Gli studenti in piazza. 'Trascinati e picchiati'
Comincia l'autunno caldo delle proteste studentesce con scontri nelle piazze, tra cariche della polizia e lanci di fumogeni. Ecco nel dettaglio la situazione per citta':
TENSIONE A ROMA - E' terminato in piazzale dei Partigiani il corteo degli studenti dei licei romani che questa mattina hanno manifestato nel centro della città. Dopo alcuni momenti di tensione, con tafferugli e cariche delle forze dell'ordine, a Porta Portese, i manifestanti hanno sfilato per via Marmorata per poi fermarsi davanti alla fermata della stazione metro Piramide, dove hanno gettato un fumogeno in un cestino di ghisa per l'immondizia. Trascinati per terra, picchiati e minacciati con un manganello puntato alla gola. A denunciare quanto accaduto questa mattina durante i tafferugli con le forze dell'ordine a Porta Portese sono gli stessi studenti che stanno ancora manifestando nella capitale. Diverse decine di manifestanti hanno tentato di forzare un blocco degli agenti ma sono stati respinti con una breve carica di alleggerimento. Sono quattro gli agenti di polizia contusi durante gli scontri al corteo degli studenti a Roma. Prima degli scontri, riferisce la questura, è partita dai manifestanti una sassaiola e un fitto lancio di oggetti contundenti nei confronti del cordone degli agenti, durante i quali alcuni agenti sono rimasti contusi.
Uno studente minorenne, che era stato fermato e identificato, è stato riaffidato ai genitori. I tafferugli, avvenuti davanti Porta Portese, sono durati solo alcuni minuti. Un minorenne è stato fermato durante i tafferugli tra gli studenti in corteo a Roma e le forze dell'ordine nella zona di Porta Portese. Il quindicenne, studente del liceo Virgilio, sarà ora portato in commissariato per l'identificazione e poi riaffidato ai suoi genitori o ad un maggiorenne. La Digos di Roma sta identificando alcuni studenti, promotori della manifestazione non autorizzata. Sono stati anche sequestrati alcuni oggetti lanciati e utilizzati dagli studenti al momento delle tensioni, come diversi scudi di plexiglass.
MILANO, FUMOGENI E CARICHE DELLA POLIZIA - Il caro-libri, le banche, la "privatizzazione della scuola pubblica" e "la mercantilizzazione del sapere": questi i temi al centro del corteo degli studenti a Milano durante il quale ci sono stati momenti di tensione. La manifestazione - che simbolicamente apre l'autunno delle rivendicazioni giovanili - è partita, questa mattina poco prima delle 10, da Largo Cairoli. Complessivamente un migliaio di ragazzi (dati degli organizzatori), sopratutto delle superiori oltre che dell'università, si sono divisi in due tronconi. "C'é una persona con lo zigomo aperto e un'altra con la ferita alla testa oltre a diversi contusi come risultato di una carica abbastanza pesante": così hanno raccontato alcuni dei manifestanti che oggi erano davanti alla sede della Regione Lombardia in una sorta di conferenza stampa al collettivo Lambretta fra via Apollodoro e piazza Ferravilla. A loro dire si è trattato di "una carica ingiustificata di 30 metri con i poliziotti che avevano addirittura superato i ragazzi, tanto correvano". "Le strade - hanno commentato - sono di chi vive questa città e devono essere libere. Noi siamo stati manganellati, picchiati e repressi, è inaccettabile. Noi abbiamo provato a raggiungere la Regione in modo pacifico contro quanto sta succedendo".
TORINO, DIVERSI I CONTUSI - Cinque studenti - secondo la questura - sono rimasti contusi nel corso dell'azione di dispersione del corteo in via XX Settembre. Per uno di loro, che ha riportato una ferita lacero-contusa alla testa, è stato necessario l'intervento dell'ambulanza. La polizia ha fermato 15 manifestanti, tra cui gli stessi contusi,per identificarli. Al momento sembra ritornata la calma nel corteo di studenti. Il manifestante rimasto lievemente ferito ha rifiutato le cure e si è allontanato, mentre gli altri colpiti dai manganelli dalla polizia non hanno riportato contusioni gravi. Addosso ad alcuni dei 15 fermati per l'identificazione, la polizia ha trovato dei sampietrini. Dopo l'azione di alleggerimento da parte degli agenti, il corteo si é ricomposto in via Garibaldi, ha raggiunto il Municipio, ha proseguito verso piazza Castello e piazza Vittorio. "Abbiamo riportato 30 contusi per caduta a terra e due feriti a causa delle manganellate e delle cariche della polizia". Lo dice Daniele Mirandola, portavoce del Ksa, Kollettivo Studentesco Autonomo, organizzazione del corteo degli studenti di stamani. "Una ragazza di 19 anni - spiega - e un ragazzo di 16 hanno subito ferite lacero-contuse alla testa e sono andati in ospedale,dove sono stati medicati". Il Ksa ha annunciato un'assemblea per mercoledì allo scopo di valutare le iniziative da intraprendere.
PALERMO, STUDENTI BRUCIANO TESSERE ELETTORALI - Un lungo serpentone formato dagli studenti di gran parte degli istituti superiori palermitani ha attraversato la città. Durante tutto il corteo cori e cartelli contro il governo Monti. "Siete bravi solo a tagliare"; "la riforma fatela davvero libri di testo a costo zero" alcuni degli slogan più gettonati. Ma la sorpresa arriva a conclusione della manifestazione, davanti la sede della presidenza della regione, quando tra l'applauso dei migliaia di studenti sono state bruciate un centinaio di tessere elettorali sotto lo striscione "nessuna fiducia nella casta". "E' Il nostro modo di dire la nostra sulle elezioni regionali - dichiara Bianca Giammanco, studentessa del liceo Umberto I ed esponente del Coordinamento studenti Medi - ennesima vuota passerella di politici che andrà a riscaldare le poltrone del parlamento regionale senza produrre altro che tagli per il mondo della formazione e sacrifici per i più deboli, mentre per loro aumenteranno sempre privilegi e vitalizi". "Molti di noi - continua Giammanco - quest'anno per la prima volta saranno chiamati ad esprimere un voto per le elezioni siciliane . Ecco allora il nostro modo di fare capire che se ne devono andare tutti a casa perché la crisi hanno contribuito a crearla loro politici di tutti i colori. Bisogna rimettere al centro la scuola e invitiamo non solo gli studenti che lo hanno fatto oggi ma tutti i siciliani a scendere in piazza per bloccare l'austerità e le politiche di rigore".
NAPOLILANCI DI UOVA - Il corteo degli studenti in corso a Napoli, attraversando le strade della città, è passato anche davanti alla sede della Provincia dove si è registrato un lancio di uova. Altre uova sono state lanciate dai manifestanti all'indirizzo di un'agenzia della BNL. Gridando slogan contro il Governo e il ministro Profumo, e facendo esplodere grossi petardi, ora il corteo si sta ora dirigendo verso la sede della Regione Campania di Palazzo Santa Lucia.
A LIVORNO UOVA E FUMOGENI CONTRO LE BANCHE - Manifestazioni sono in corso in quasi tutte le città toscane: a sfilare gli studenti delle superiori. Lancio di uova contro alcune banche e qualche fumogeno a Livorno dove circa 500 studenti hanno protestato contro i tagli alla scuola e gli sprechi della politica. Alcune filiali di banche sono state 'chiuse' simbolicamente con del nastro da cantiere. Problemi di traffico a Firenze, circa 2000 in corteo, mentre a Pisa le forze dell'ordine hanno respinto 200 studenti che volevano entrare in Comune. Dopo alcuni minuti i manifestanti hanno ripreso a sfilare lungo le principali vie del centro senza disordini. Presidi delle forze dell'ordine sono stati predisposti a Firenze nei così detti 'obiettivi sensibili', tra cui il cantiere Tav di Campo di Marte. Alla manifestazione si è unito anche un gruppo di una ventina di lavoratori Ataf con lo striscione 'Cobas'. A Livorno con gli studenti hanno invece sfilato alcuni comitati dei lavoratori precari e degli sfrattati.
FGC, OGGI IN PIAZZA CONTRO MONTI  E UNIONE EUROPEA  - Gli studenti del Fronte della Gioventù Comunista sono oggi in piazza in diverse città d'Italia "iniziando un autunno caldo di lotte per una scuola pubblica, gratuita e accessibile a tutti indipendentemente dal reddito" e contro "il governo Monti e l'Unione Europea". A Roma, migliaia di studenti provenienti da numerose scuole di Roma e provincia si sono concentrati nei pressi della fermata metro B Piramide per partire in corteo alla volta del Ministero dell'Istruzione a Viale Trastevere. Numerosi i cori e gli slogan contro il governo tecnico e dell'Unione Europea. Secondo gli studenti aderenti al Fgc, infatti, governo e Ue "impongono all'Italia una scuola di classe in cui va avanti chi se lo può permettere. Inoltre -continuano i giovani militanti comunisti- la condizione dell'edilizia scolastica italiana è pessima e il vincolo del pareggio di bilancio e la spending review non faranno che acuire questa situazione". Il costo dei libri di testo e dei contributi d'iscrizione chiesti alle famiglie, ha dichiarato dalla piazza Alessandro Mustillo, segretario nazionale del Fgc "priva molti studenti del diritto all'istruzione con tassi di abbandono scolastico in aumento nel sud Italia e nelle periferie delle grandi città. Per la prima volta - conclude Mustillo - la nostra generazione scende in piazza contro questo Governo e contro l'Unione Europea, che assieme privano milioni di giovani del diritto all'istruzione, al lavoro e al futuro".

giovedì 4 ottobre 2012

Dedicato a Beppe Grillo


Corri Forrest, corri... di Mina

 |  | 
beppe_forrest.jpg
Il 10 ottobre attraverserò lo stretto di Messina a nuoto. Poi, giunto in Sicilia, correnti permettendo, inizierò il mio viaggio elettorale per tutta l'isola. In camper e di corsa. A presto il diario di viaggio sul blog con tutti i dettagli.

"In questo periodo ho lavorato pesantemente e mi ero imperdonabilmente distratta dalle vicende del Dolce Paese. Riaperto l’oblo, ritrovo ancora te, Beppe, nello splendore deiriflettori. Scusa, ma non eri un trascurabile, insignificante, nulla politico? E quand’anche avessi avuto qualche vocina in capitolo, non dovevi per caso essere silenziato e relegato nel cosmico cantuccio del web, secondo ordini trasversalmente e uniformemente accettati?
Devo proprio essermi persa un passaggio. Non sarà mica per la doppia cifra nei sondaggi sulle intenzioni di voto che ho visto fiammeggiare in Tg e talk show? E proprio adesso che la tecno-management-safety car sta per rientrare e i concorrenti stanno per ”riscatenare l’inferno”? Ma guarda un po' ... Bene. Spazio a caso tra fogli di giornale attorno alle uova e memorabili pagine di televisione. E ti vedo trattato da divo. Com’è? A torso nudo potresti mietere il grano come Mussolini per ingraziarti i villani nell’afa? Con baffetti neri potresti urlare stermini, in apoteosi hitleriana? Con baffi un po’ più grossi, di foggia staliniana e stalinistica, ti potresti cimentare nel tiranneggiare alcune russie e “siberiare” i dissidenti? Con l’acqua alla gola ingoierai lo stretto di Scilla e Cariddi in un acquatico show alla Mao? Stai rifondando “L’uomo qualunque”?
È vero, c’è qualcosa che fai esattamente come Mussolini, come Stalin, come Mao, come Giannini ed è bere, dormire, mangiare e, orrore, fare la cacca.
Vorrei già richiudere l’oblo e impegnarmi a emulsionare una buona maionese con le uova fresche, quelle dei giornali precedentemente citati, appunto. Sarà meglio. Mi concedo solo un piccolo momento per un’incazzatura. Che bassezza, la povertà di questa iconografia da strapazzo. Le similitudini per la tua antidemocraticità, per il tuo qualunquismo, per la tua voglia di reclamizzarti sono pezzi disordinati di ineleganza, al limite del ridicolo. O della querela. Ne vedremo delle belle, temo. Tu va’, dritto come un fuso.
Corri Forrest, corri…" Mina

martedì 2 ottobre 2012